MICHELE GIANGRANDE - Gears (Ingranaggi)

La lunga struttura in vetro ed acciaio del Ponte Nord accoglie il progetto site-specific Gears (Ingranaggi) dell’artista barese Michele Giangrande, a cura di Chiara Canali. La grande installazione, a dimensione ambientale, è composta da centinaia di cartoni da imballaggio a costituire le forme circolari di ruote e ingranaggi meccanici, in relazione con le volumetrie del ponte. Già esposta in occasione del FaceFestival di Ecolandia, Calabria (2017), durante la terza Ural Industrial Biennal of Contemporary Art di  Ekaterinburg, in Russia (2015) e presso le Officine Farneto di Roma (2011), l’opera viene riformulata nella lunga navata del Ponte Nord per assumere la configurazione di molteplici ingranaggi dentati, a lanterna o a gabbia, che rimandano alle ruote delle complesse macchine di Leonardo da Vinci. La sagoma tonda degli ingranaggi e la loro dimensione monumentale rendono omaggio a molte opere della storia dell’arte, dai siti megalitici, simboli della circolarità del tempo e dell’idea di rinascita dopo la morte, ai tumuli funerari della preistoria,  fino alle opere contemporanee di Minimal e Land Art. “Ho un’ossessione: la ruota, il simbolo dell’inventiva umana e l’affine figura geometrica del cerchio. Il cerchio rappresenta la sintesi, la perfezione, la compiutezza, l’equilibrio, l’unione”, afferma Giangrande.
null

null

null

MICHELE GIANGRANDE

Michele Giangrande artista, scrittore e designer nasce a Bari nel 1979. È docente di Decorazione all’Accademia di Belle Arti di Bari. Artista di grande versatilità, dotato di graffiante ironia, trasfigura la realtà giocando con i concetti di essere e apparire. Fin dalle prime ricerche ha conferito agli oggetti scelti, per lo più di uso comune, una nuova identità. Da anni compie una ricerca che trae ispirazione nell’arcaico, nel primitivo, nella rilettura del passato, attraverso un approccio sistemico di pittura, scultura, artigianato, performance, cinema, installazione e architettura. Ha partecipato a numerose mostre personali, collettive e di gruppo. Le sue opere sono presenti in musei, collezioni pubbliche e private in Italia e all’estero. Attualmente Giangrande collabora stabilmente o periodicamente con diverse istituzioni pubbliche come la Fondazione Pino Pascali Museo d’Arte Contemporanea e private tra cui le gallerie C.A.S.A. di Polignano a Mare, Gigi Rigliaco Gallery di Lecce, Mucciaccia Contemporary di Roma, Savina Gallery di Mosca/San Pietroburgo.

 

A cura di Chiara Canali
In collaborazione con: Scatolificio Sandra