LABORATORIO KINETIPARK LITURGIA CINETICA a cura di Lazzaro Marco Ferrari, Amalia Vigliante e Anna Guarinoni

STAZIONE CREATIVA

logo

WoPa Temporary

Spazio Carroponte

Dal 27 aprile al 27 maggio 2017

 

LABORATORIO: KINETIPARK

LITURGIA CINETICA e PERFORMING ARTS

A cura di Lazzaro Marco Ferrari, Amalia Vigliante e Anna Guarinoni

 

QUANDO:

  • venerdì 12 maggio 18.00 – 20.00
  • giovedì 18 maggio 17.00 – 20.00
  • sabato 20 maggio 10.00 – 13.00

DESTINATARI: iscritti alla Stazione Creativa

 

ABOUT:

KINETIPARK è un Laboratorio Immersivo di Storytelling dove corpo, segno, luce e suono confluiscono in un unico luogo di sperimentazione. Tramutiamo tracce e azioni in storie magnifiche.

Durante questa ricerca la struttura anatomica del corpo viene assecondata e serve da guida per tracciare i confini. Il corpo segna il territorio, il territorio cambia continuamente, il territorio influenza il corpo.

KINETIPARK è una produzione collettiva di un evento di narrazione interattiva dove impariamo a raccontare in relazione ad un ambiente multimediale.

Il parco ideale, luogo immaginario, territorio di ricerca, di sperimentazione e di Immersione, verrà rappresentato come luogo di trasformazione.

Immersive Storytelling: http://noise.rhapsomedia.com/

 

 

BIOGRAFIE:

Lazzaro Marco Ferrari è Digital Storyteller e Filmmaker. Da anni esplora i nuovi confini dello Storytelling, del Design grafico, digitale, interattivo, multimediale e della Narrazione Video. Lavora in Italia e negli Stati Uniti, ha fondato e gestito alcuni Laboratori di Design e Studi di Produzione, ha lavorato come Visual Designer a progetti per aziende importanti, come Direttore Creativo per diversi e riconosciuti siti web e come Filmmaker realizzando documentari e film.  Pre-Mac (1998), era un prolifico inventore di artefatti visivi e scultorei. Ora Fondatore e Direttore Creativo di S19 e di Rhapsomedia.

 

Amalia Vigliante è laureata in Filosofia a Bologna sotto la guida di Giovanni Matteucci. Si occupa di relazioni pubbliche dal 1997 al 2003 presso la casa editrice Edinterni di Milano, nel campo della bioarchitettura. Dal 2004 al 2008 è coordinatrice di progetti educativi e atelieristici di alcune scuole primarie e secondarie di primo grado di Reggio Emilia. Oggi lavora come copywriter presso lo studio di comunicazione S19 a Reggio Emilia e partecipa a progetti di scrittura creativa e video in collaborazione con l’associazione REfoto di Reggio Emilia.

Anna Guarinoni svolge attualmente la professione di insegnante di danza. Si diploma presso la Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano nel corso professionale “Danzatore”, partecipa come interprete all’interno di spettacoli presentati a Torino Danza, alla Biennale Danza di Venezia e alla Triennale di Milano. Studia tra gli altri con Lisa Kraus ed Elena Demyanenko della Trisha Brown Dance Company, Cristiana Morganti del Tanztheater Wuppertal di Pina Bausch, Juliana Neves e Quan Bui Ngoc de Les Ballets C de la B di Alain Platel. E’ interprete negli spettacoli: “Non si accorse mai che io ero muto” per Fondazione Aurelio Petroni, “AMLETO No signore mio, son fin troppo al sole” per I Macelli Certaldo. Da anni studia con Cécile Bargiarelli danza e tecnica postulare applicata alla danza, con lei collabora all’insegnamento della danza ai bambini. Studia Scienze dell’Educazione.