Rizomi Art Brut

Rizomi Art Brut

Strada Nino Bixio, 50

EZECHIELE LEANDRO 

A cura di Lorenzo Madaro

ezechiele leandro

L’Associazione Culturale Artètipi insieme all’Associazione Pugliesi a Parma presentano “Ezechiele Leandro”, una mostra retrospettiva a cura di Lorenzo Madaro.
La mostra propone una selezione ragionata di dipinti, tecniche miste, disegni e sculture dell’artista pugliese Ezechiele Leandro. 
Realizzata in collaborazione con il nipote dell’artista, Antonio Benegiamo, la mostra propone opere – alcune inedite – appartenenti a collezioni private, significative per una ricostruzione, seppur sintetica, del suo intero percorso creativo, e fa seguito alla significativa retrospettiva Leandro unico primitivo, curata da Antonella Di Marzo, Lorenzo Madaro, Brizia Minerva e Tina Piccolo in diversi spazi museali di Puglia nell’estate 2016 su progetto della Soprintendenza belle arti e paesaggio per le province di Bari, Barletta- Andria-Trani e Foggia, con il sostegno del Mibact – Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane, in collaborazione con la Soprintendenza belle arti e paesaggio per le province di Lecce, Brindisi e Taranto, il Polo museale della Puglia, il museo Sigismondo Castromediano di Lecce, il Comune di San Cesario e con il contributo della Regione Puglia.

FOTOBIOGRAFIA:

Ezechiele Leandro,Nato nel 1905 a Lequile, in Salento, nel 1946 avvia a San Cesario di Lecce la costruzione della sua casa, nel cui cortile adiacente fino al 1981, anno della sua morte, concepisce un ambiente complesso con sculture realizzate in cemento e materiali di risulta. Un’indagine elaborata e insieme spontanea, primitiva, legata all’uomo, all’esistenza e a valori universali come la religione e il sacro. Lo chiama Santuario della pazienza, il suo personale giardino, spazio straordinario della rappresentazione e dell’allegoria, costituito da navate e anfratti, grandi opere e piccole sculture, tra sculture a tutto tondo e bassorilievi. Lo apre al pubblico, ottiene riconoscimenti sulla carta stampata ma i suoi concittadini non comprendono il valore artistico della sua Opera, ed è costretto ad innalzare un muro di cinta per proteggere il suo Santuario. È un monumento dedicato al riciclo, il cui valore simbolico in ambito artistico è teorizzato dallo stesso Leandro con un certo anticipo nei suoi scritti.

CONTATTI:

Telefono:+39 0521 208520 – 339 7931250
E-mail: info@rizomi.it